Condizioni generali

CONDIZIONI GENERALI di NewCakes B.V. (N. di registrazione alla Camera di Commercio: 34213286),
che opera con la denominazione ‘CakeSupplies’, con sede legale all’indirizzo Bruynvisweg 3 (1531 AX) Wormer

DEFINIZIONI
Ai fini delle presenti Condizioni si intende per:


  • Condizioni: le presenti condizioni di vendita, consegna e pagamento;

  • Contratto: ogni contratto di acquisto e vendita;

  • Durata del contratto: il periodo compreso fra la data di inoltro dell’ordine e la scadenza della consegna.

1.  OSSERVAZIONI GENERALI

1.1 Salvo diversi accordi scritti, le presenti condizioni generali si applica a tutte le offerte di NewCakes B.V. E a tutti i contratti stipulati da NewCakes B.V. Salvo diversa disposizione, nelle presenti condizioni generali NewCakes B.V. è indicata con “venditore”. Salvo diversa disposizione, nel seguito delle presenti condizioni generali la controparte è indicata con “acquirente”.

1.2 In caso di conflitto di una disposizione di queste condizioni generali con una qualunque disposizione di un contratto specifico stipulato fra le parti, prevale sempre la disposizione più specifica del contratto in questione.

1.3 Le deroghe dalle presenti condizioni generali sono valide soltanto se concordate per iscritto fra il venditore e l'acquirente.

1.4 Si esclude l'applicabilità delle condizioni (di acquisto) eventualmente applicate dall’acquirente, a meno che non siano accettate esplicitamente per iscritto da NewCakes B.V.

2. OFFERTE

Tutte le offerte di cui non si stabilisce esplicitamente il contrario sono considerate non vincolanti, e possono essere revocate anche dopo che sono state accettate. Qualora un’offerta non venga revocata entro cinque (5) giorni dall'accettazione, il contratto è stipulato.

3. ORDINI

3.1 Tutti gli ordini/i contratti stipulati fra il venditore e l'acquirente sono totalmente vincolanti per entrambe le parti, a meno che il venditore non comunichi entro cinque (5) giorni dalla stipula del contratto/dall’ordine che intende sciogliere il contratto, fornendone le motivazioni. Al venditore spetta in ogni caso questo diritto qualora l'acquirente, secondo le informazioni di un ufficio di informazioni sui crediti e/o un’assicurazione di credito non sia solvibile.

3.2 Salvo diversa disposizione, i prezzi indicati dall'acquirente sono sempre ‘franco fabbrica’. Le consegne nei Paesi Bassi degli ordini di valore superiore a € 500,00 sono ‘franco destinazione’.
3.3 Il venditore applica una quantità minima di ordinazione. Per la categoria dei grandi consumatori la quantità minima di ordinazione è pari a 50,00 euro. Per la categoria dei rivenditori, la quantità minima di ordinazione è pari a 150,00 euro.

4. CRITERI DI REGISTRAZIONE

Per la registrazione basata sul consumo all’ingrosso devono essere soddisfatti i criteri seguenti:

a. L'acquirente deve essere in possesso di un numero di Partita IVA valido;

b. L'acquirente deve essere in possesso di un numero di registrazione alla Camera di Commercio valido, e come obiettivo deve essere indicata la realizzazione, la decorazione, la vendita ecc. di torte e affini;

c. Deve essere disponibile un sito web attivo, da cui risulti chiaramente l’obiettivo principale di cui sopra;

d. Per la registrazione basata sulla rivendita devono essere soddisfatti tutti i criteri elencati sopra, oltre alle seguenti condizioni;

e. L'acquirente deve essere in possesso di una sede aziendale destinata all’obiettivo principale descritto sopra, o di un contratto di locazione di una sede di questo tipo, presso la quale l'acquirente opera in modo dimostrabile;

f. L’indirizzo di fatturazione deve fare riferimento all’indirizzo della sede di cui sopra;

g. L’indirizzo di spedizione può essere diverso dall’indirizzo di cui sopra, ma deve essere un unico indirizzo fisso;

h. L'acquirente deve avere un punto vendita/un indirizzo fisso di vendita dei prodotti.

5. CONSEGNA

5.1 La consegna si considera effettuata:
a. se le merci vengono prelevate dall'acquirente o a suo nome: al momento della presa in consegna delle merci;
b. in caso di spedizione tramite una società di trasporti: al momento del trasferimento delle merci al trasportatore, inteso che il rischio della spedizione delle merci avviene nel momento in cui esse vengono trasferite al trasportatore;
c. in caso di spedizione tramite un mezzo di trasporto del venditore: al momento della consegna presso gli uffici o il magazzino dell'acquirente.
La spedizione delle merci avviene per conto e a rischio dell'acquirente, salvo diverse disposizioni delle presenti condizioni generali o diversi accordi fra le parti.

5.2 Salvo diversa disposizione delle presenti condizioni generali o diversi accordi fra le parti, le merci sono a rischio dell'acquirente dal momento della consegna.

5.3 Oltre che per le merci prelevate, il venditore provvede all'assicurazione a vantaggio dell'acquirente fino all’importo del prezzo di vendita delle merci, sostenendone i costi. Deve essere stipulata un'assicurazione per i normali rischi di trasporto, quindi non contro atti intenzionali o altri rischi straordinari.
In caso di danni, il venditore dovrà definire il risarcimento del danno dietro accordi con la compagnia di assicurazioni.

5.4 Qualora non sia possibile inviare le merci per cause fuori dalla responsabilità del venditore, si considera che abbia soddisfatto l’obbligo di consegna mettendo a disposizione dell'acquirente le merci, a condizione che lo comunichi all'acquirente entro cinque (5) giorni lavorativi dal momento in cui le merci sono pronte per la spedizione. In questo caso, il termine di pagamento ha inizio nella data in cui il venditore sarebbe stato in grado di consegnare le merci.

6. TERMINE DI CONSEGNA/RIFIUTO DI PRELIEVO

6.1 Il termine di consegna ha inizio il giorno successivo alla stipula del contratto, inteso che, qualora il venditore richieda il pagamento anticipato del prezzo dovuto o una garanzia di pagamento entro sette (7) giorni dalla stipula del contratto, il termine ha inizio soltanto dopo il ricevimento del pagamento anticipato o della garanzia di pagamento. 

6.2 Il termine di consegna è di almeno due (2) giorni lavorativi a decorrere dall'accettazione dell’ordine, salvo diversi accordi fra le parti.

6.3 Il semplice superamento del termine di consegna concordato non comporta che il venditore è in difetto. Il venditore è considerato in difetto soltanto nel momento in cui per motivi imputabili a lui non consegna le merci entro un altro termine ragionevole che gli è stato comunicato per iscritto dopo il termine di consegna concordato.

6.4 L'acquirente ha la facoltà di risolvere il contratto a causa del superamento del termine di consegna imputabile al venditore, a seguito del quale il venditore è in difetto conformemente a quanto stabilito al paragrafo 6.3, soltanto qualora il contratto non sia stato ancora eseguito e non possa essergli ragionevolmente richiesto di eseguire la parte del contratto non ancora eseguita.

6.5 Il venditore ha la facoltà di effettuare consegne parziali e di inviare le relative fatture parziali.

6.6 Salvo diverse disposizioni esplicite o accordi successivi, la consegna delle merci deve avvenire presso il magazzino o la fabbrica o il negozio dell'acquirente.

6.7 Qualora l’acquirente rifiuti di prelevare le merci, il venditore ha la facoltà di immagazzinarle nel suo magazzino o altrove per conto e a rischio dell'acquirente, incluso il rischio di una riduzione della qualità. A seguito di tale magazzinaggio, si considera che le merci siano state consegnate. Il magazzinaggio deve essere immediatamente comunicato per iscritto all'acquirente, inviando contestualmente la fattura per tale consegna.

7. QUALITÀ; CONTROLLO; MANCANZE

7.1 Le merci consegnate sono considerate adeguate se soddisfano i requisiti legali di qualità in vigore al momento della stipula del contratto, e se corrispondono inoltre alle specifiche concordate esplicitamente e sono idonee per l’utilizzo indicato esplicitamente dall'acquirente prima o durante la stipula del contratto. I colori effettivi dei prodotti possono essere in qualche misura discrepanti da quanto riportato nelle informazioni digitali sui prodotti.

7.2 L’acquirente è tenuto a (fare) verificare in modo approfondito e con competenza le merci fornite immediatamente dopo la consegna per controllare che siano complete e adeguate. Le eventuali mancanze emerse al momento di tale controllo devono essere comunicate per iscritto o verbalmente al venditore entro quarantotto (48) ore dalla consegna in caso di quantità discrepanti, danni provocati durante il trasporto o articoli non ordinati e entro cinque (5) giorni dalla consegna in tutti gli altri casi; la comunicazione verbale deve essere seguita da una conferma scritta immediata. La non osservanza degli obblighi di comunicazione comporta il decadere di tutti i diritti associati alle mancanze che avrebbero potuto essere constatate tramite una verifica approfondita effettuata da una persona competente. 

7.3 Le mancanze segnalate correttamente e per tempo secondo quanto stabilito ai punti 7.1 e 7.2 e le mancanze che l'acquirente dimostra che non avrebbe potuto scoprire e segnalare nonostante una verifica accurata e competente entro i termini previsti al paragrafo 7.2, e scoperte entro un termine di dieci (10) giorni dalla consegna e segnalate immediatamente al venditore, dovranno essere rettificate dal venditore, per quanto ragionevolmente ancora possibile, con l’integrazione o la sostituzione dei prodotti senza alcun costo. Qualora non sia richiesta alcuna integrazione o sostituzione, o l’integrazione o la sostituzione non siano ragionevolmente più possibili, sarà sufficiente effettuare un accredito a favore dell'acquirente per la parte a cui si riferisce la mancanza. Il venditore, tuttavia, è tenuto a rettificare la mancanza senza alcun costo o ad effettuare un accredito per l'acquirente soltanto qualora l'acquirente dimostri che la mancanza è una conseguenza diretta di una circostanza imputabile al venditore. Il venditore ha il diritto di effettuare una verifica del tipo, dell’entità e della causa della mancanza dichiarata. L'acquirente è tenuto a offrire tutta la collaborazione richiesta, pena il decadere dei suoi diritti associati alla mancanza. Il venditore non è tenuto a riprendere le merci non idonee, ma su richiesta l’acquirente dovrà mettere immediatamente a disposizione del venditore le merci da sostituire.

7.4 L'acquirente ha la facoltà di risolvere il contratto per una mancanza attribuibile al venditore soltanto qualora il venditore (anche dopo un sollecito scritto) non riesca a rettificare le mancanze entro un termine ragionevole e in modo accettabile e non possa ragionevolmente esigere dall'acquirente la continuazione del contratto.
7.5     Salvo diversa comunicazione scritta, le piccole discrepanze comunemente accettate nel commercio o tecnicamente inevitabili di qualità, quantità, ampiezza, colori, misure, finiture e affini non sono considerate mancanze.

8. PREZZI/IMPOSTE

8.1 I prezzi di vendita o i prezzi quotati in altro modo non includono l’imposta sul fatturato o le altre imposte corrispondenti sulla transazione in questione; tutti i costi derivanti da tali imposte sono a carico dell'acquirente.

8.2 Qualora dopo la stipula del contratto/la conferma dell’ordine si verifichino variazioni dei fattori che determinano il prezzo, come le materie prime, i costi di imballaggio o i costi di trasporto e magazzinaggio, il venditore ha la facoltà di modificare di conseguenza il prezzo di vendita. Il venditore ne dovrà informare l'acquirente prima possibile.

9. PAGAMENTI

9.1 Tutte le fatture e le note di addebito recano la data della spedizione delle merci a cui si riferiscono. Salvo diversi accordi, il termine di pagamento è di quattordici (14) giorni.

9.2 In caso di mancato pagamento, il venditore, fatti i salvi gli altri diritti in virtù delle condizioni generali e/o della legge, ha nei confronti dell'acquirente il diritto di:

a. ricevere un pagamento immediato al momento della consegna delle merci all'acquirente (rimborso) e/o richiedere una garanzia di pagamento di tutti i contratti di vendita in corso;

b. sospendere le consegne (nonché la produzione o la lavorazione delle merci previste), fermo restando il diritto di esigere contemporaneamente o successivamente una garanzia di pagamento. Dopo che l’acquirente ha ottemperato ai suoi obblighi, il venditore ha a disposizione il tempo necessario per la produzione o la lavorazione, tenendo conto delle possibilità che ha a disposizione presso la sua azienda;

c. risolvere totalmente o parzialmente il contratto di vendita con una dichiarazione scritta del venditore;

d. risolvere totalmente o parzialmente uno, più o tutti i contratto di vendita per i quali l'acquirente non è in difetto con una dichiarazione scritta del venditore.

Si potrà procedere all'esercizio dei diritti di cui alle lettere a, b e c soltanto dopo che il venditore ha concesso all'acquirente un termine di cinque (5) giorni per ottemperare ai suoi obblighi di pagamento e che l'acquirente è rimasto in difetto, mentre si potrà esercitare il diritto di cui alla lettera d soltanto qualora l'acquirente non abbia soddisfatto entro dieci (10) giorni la richiesta del venditore di rilasciare una garanzia per il pagamento di quanto dovuto dall'acquirente in virtù del contratto/dei contratti in questione. A meno che non si sia usufruito del diritto di risoluzione del contratto, il venditore ha la facoltà di modificare la scelta fra i diritti previsti dal presente articolo.

9.3 Qualora secondo le informazioni di un'agenzia di informazioni sul credito e/o di un'assicurazione di credito l'acquirente sia in difetto nei confronti di terzi e/o debba essere considerato non solvibile e/o insolvente, il venditore, senza la necessità di una dichiarazione di difetto, ha la facoltà di esercitare i diritti descritti al paragrafo 2 in relazione a tutti i contratti di vendita non ancora eseguiti.

9.4 Qualora l'acquirente sia dichiarato in stato di fallimento, richieda o ottenga una sospensione (provvisoria) dei pagamenti, o perda in altro modo la possibilità di disporre della sua impresa o del suo patrimonio, il venditore (senza che sia richiesta alcuna dichiarazione di difetto) detiene i diritti di cui al paragrafo 2 in relazione a tutti i contratti di vendita non ancora eseguiti.

9.5 Qualora nella data di scadenza non sia pervenuto il pagamento, l'acquirente dovrà sostenere gli interessi legali su quanto dovuto secondo quanto previsto dall'articolo 6:119A del Codice Civile olandese. Qualora dopo la data di scadenza il venditore sia costretto ad adottare provvedimenti per la riscossione, l'acquirente dovrà sostenere le spese extragiudiziali conformemente alla “Legge sui costi di riscossione (2012)”.

10. RISERVA DI PROPRIETÀ

10.1 Fintantoché l'acquirente non ha effettuato il pagamento, il venditore, per tutte le merci consegnate o da consegnare conformemente ai contratti di vendita, si riserva il diritto di esigere:

a. un credito per la controprestazione a fronte tali merci;

b. un credito per le attività svolte dal venditore per l'esecuzione dei suddetti contratti e per le attività svolte a vantaggio dell'acquirente, e 

c. un credito conseguente alla mancata ottemperanza ai suddetti contratti.

10.2 Le merci sono considerate non pagate fino a quando l'acquirente non dimostra che il pagamento è stato eseguito.

10.3 L'acquirente ha l’obbligo di mostrare al venditore le merci alla prima richiesta di quest’ultimo e, in caso di mancato pagamento e nei casi menzionati all'articolo 9, paragrafo 2, lettere c e d, di restituirle al venditore. Per le merci riprese in virtù del presente articolo, sarà effettuato un accredito a favore dell'acquirente pari al valore di mercato delle merci nella data del ritiro.

10.4 L’acquirente non ha la facoltà di alienare o impegnare le merci soggette a riserva di proprietà.
L'acquirente tuttavia ha la facoltà di vendere e di trasferire a terzi le merci in questione nell’ambito del normale svolgimento delle sue attività. Questa facoltà decade d’ufficio nel momento in cui l'acquirente omette in qualunque modo di ottemperare ai suoi obblighi associati alla riserva di proprietà, ottiene una sospensione dei pagamenti o viene dichiarato in stato di fallimento. L’acquirente non ha in nessun caso la facoltà di utilizzare le merci soggette al diritto di proprietà per concedere una garanzia a terzi.

11. FORZA MAGGIORE

11.1 Per forza maggiore si intendono tutte le circostanze delle quali il venditore e rispettivamente l'acquirente non potevano ragionevolmente tenere conto, e a seguito delle quali la controparte non può ragionevolmente essere richiesta la normale esecuzione del contratto.

11.2 Il venditore e rispettivamente l'acquirente dovranno immediatamente avvisare la controparte se si verifica una circostanza di forza maggiore.

11.3 In caso di forza maggiore, la controparte non ha diritto ad alcun risarcimento dei danni.

11.4 In caso di forza maggiore, le parti devono trovare un accordo riguardo all'esecuzione del contratto in questione.

11.5 Qualora a seguito di una circostanza di forza maggiore la data o il termine concordati vengano superati, la controparte, in deroga a quanto stabilito al paragrafo 4, ha la facoltà di risolvere il contratto in questione con una dichiarazione scritta.

12. RESPONSABILITÀ

12.1. Il venditore è responsabile per i danni direttamente conseguenti alle merci vendute e consegnate soltanto fino al valore netto della fattura riguardante le merci in questione, a meno che i danni non siano intenzionali o conseguenti a grave trascuratezza.

12.2 Il venditore è responsabile per i danni indirettamente conseguenti alle merci fornite dal venditore, come (in modo non limitativo) i mancati utili e/o la stagnazione, soltanto fino all’importo rimborsato dalla compagnia di assicurazioni del venditore per il danno in questione.

13. ESPORTAZIONE

Qualora le merci del venditore vengano esportate per e/o dall'acquirente, si applicano le disposizioni sulle esportazioni previste dalla legislazione in vigore. L'acquirente dovrà sollevare il venditore da tutte le responsabilità associate alle violazioni imputabili all'acquirente delle disposizioni sulle esportazioni previste dalla legislazione in vigore.

14. MARCHIO E NOME COMMERCIALE

14.1 L'acquirente ha il divieto esplicito di utilizzare la denominazione commerciale, il marchio e il logo utilizzati dal venditore per gli scambi commerciali senza l'autorizzazione esplicita scritta del venditore.

14.2 Qualora il venditore conceda l'autorizzazione di cui al paragrafo 1, l'acquirente dovrà attenersi rigorosamente a tutte le indicazioni del venditore.

14.3 In caso di violazione di questo articolo, l'acquirente è passibile di una sanzione di € 10.000,00 per ogni violazione, fatto salvo il diritto del venditore di esigere il risarcimento totale del danno.

15. PROPRIETÀ INTELLETTUALE
15.1 Fatto salvo quanto stabilito dalle presenti Condizioni, il venditore si riserva i diritti e le competenze che gli spettano in virtù della legge sui Diritti d’Autore e della legislazione e dei regolamenti sulla proprietà intellettuale, nonché dei diritti di proprietà intellettuale sui marchi che il venditore rappresenta su base esclusiva.

15.2 Tutte le merci vendute e/o prodotte dal venditore e/o i documenti forniti la cui proprietà intellettuale spetta al venditore o copre i marchi che il venditore rappresenta su base esclusiva (come documenti, pareri, opuscoli, immagini, contratti, offerte, progetti, schizzi, disegni, software, modelli ecc.) rimangono di proprietà del venditore o dei suoi fornitori e rispettivamente dei suoi produttori, a prescindere dal fatto che all'acquirente siano stati addebitati dei costi per la loro realizzazione, e l'acquirente ha il diritto di utilizzarli esclusivamente per lo scopo per cui gli sono stati messi a disposizione. L'acquirente non ha la facoltà di utilizzare per altri scopi, duplicare o pubblicare, produrre o trasformare, modificare o rivendere o divulgare a terzi tali merci e/o documenti (appartenenti al venditore o ai suoi fornitori e rispettivamente ai suoi produttori) senza la previa autorizzazione scritta del venditore. L’acquirente, tuttavia, è responsabile per tutti i danni (fra cui i mancati utili e i costi per la realizzazione dei progetti, dei modelli, ecc.) causati da (o collegati a) eventuali violazioni dei suddetti diritti. L'acquirente ha l’obbligo di informare immediatamente il venditore non appena viene a conoscenza di una violazione dei diritti ai sensi del paragrafo 1 di questo articolo.

15.3 L'acquirente è tenuto a restituire i prodotti e/o i documenti di cui al paragrafo 2 che gli sono stati consegnati alla prima richiesta del venditore ed entro la scadenza stabilita. L'acquirente è comunque responsabile per tutti i danni associati alla restituzione non tempestiva delle merci e/o dei documenti di cui sopra che gli sono stati forniti. 

15.4 Nel caso in cui il venditore produca in base a disegni, campioni, modelli, progetti, schizzi o altre indicazioni fornite dall'acquirente o a suo nome, l'acquirente dovrà garantire che essi siano esenti da diritti di proprietà intellettuale. L'acquirente solleva il venditore da ogni responsabilità di terzi in merito.

16. DEROGHE

16.1 In caso di discrepanza fra il contratto e quanto stabilito dalle presenti condizioni generali, fra le parti si applica quanto stabilito dal contratto.

16.2 Anche le deroghe successiva a quanto stabilito dalle presenti condizioni generali sono valide fra le parti soltanto se l'acquirente le ha approvate per iscritto.

16.3 Qualora una o più disposizioni del contratto risulti non vincolante, le altre disposizioni rimangono applicabili fra le parti. Lo stesso vale per le presenti condizioni generali. In questo caso, le parti si impegnano a sostituire le disposizioni non vincolanti con disposizioni vincolanti più vicine possibile al contenuto delle disposizioni non vincolanti in considerazione dello scopo e della portata del contratto o delle condizioni generali.

17. DIRITTO APPLICABILE E FORO COMPETENTE

17.1 A tutti i contratti si applica il diritto olandese.

17.2 Per tutte le dispute derivanti dal presente contratto è competente il tribunale del luogo di residenza del venditore, a meno che la legge non preveda che sia competente un altro tribunale.